La dottoressa giò 3 anteprima streaming mediaset play

La Dottoressa Giò 3 anteprima streaming: e il trash è servito

Ti aspetto sul mio profilo Instagram!

Anteprima streaming dei primi minuti di La Dottoressa Giò 3 su Mediaset Play. Il revival di Barbara d’Urso trash sin dalla sigla.

L’attesissima stagione 3 di La Dottoressa Giò debutterà soltanto domenica 13 gennaio, ma Mediaset Play ha voluto regalare un’anteprima streaming dei primi minuti.

L’iconico personaggio di Barbara d’Urso torna come protagonista di quattro nuove puntate dopo più di vent’anni d’assenza. Da quel che sappiamo, l’idea del revival è stata avanzata a più riprese proprio dalla conduttrice all’editore di rete. Che evidentemente preso per sfinimento ha infine accolto le sue richieste. Il risultato, però, ci appare quanto mai discutibile.

L’anteprima streaming di La Dottoressa Giò 3 ci consente infatti di dare un rapido sguardo a quel che sembra attenderci da domenica prossima. E se scegliamo di venir meno all’imperativo morale di non giudicare un libro dalla copertina, molte sono le osservazioni che erompono anche solo dopo tre minuti di immagini.

La Dottoressa Giò 3 anteprima streaming: i problemi della serie già evidenti dalla sigla

Cominciando proprio dalla sigla, sulle note del brano di Fiorella Mannoia Quello che le donne non dicono si muove un frame dietro l’altro della protagonista. Basta questo a intuire che l’asse d’interesse della fiction si è chiaramente spostato dai casi umani con cui la dottoressa aveva a che fare nelle stagioni precedenti, sulla dottoressa Giò stessa.

Sebbene la protagonista abbia sempre avuto il suo carisma, la forza narrativa della fiction risiedeva nelle storie al femminile con cui Giò si confrontava. Era il suo approccio alle altre donne, alla loro vicenda personale e al fatto di trovare una soluzione ai loro problemi, che la facevano brillare. Dall’anteprima streaming di La Dottoressa Giò 3, invece, la protagonista pare brilli di luce propria.

Una luce che non casualmente ricorda quella dei proverbiali riflettori dai quali la d’Urso si fa abbagliare nelle sue trasmissioni. E questo perché ormai il personaggio di Giò si confonde completamente con la sua interprete. Di conseguenza non mancheranno faccine, ammiccamenti e falsi stupori, tanto quanto le sue battaglie di punta a sfondo sociale.

D’altronde, nel backstage della serie è la stessa d’Urso a dichiarare: “Barbara d’Urso non può essere troppo distante dalla dottoressa Giò, quindi un pizzico (di lei, ndr) ci sarà sempre”.

La Dottoressa Giò 3: promesse e premesse dell’anteprima streaming su Mediaset Play

Le premesse narrative del revival intimoriscono ancora di più, per la loro dichiarata ambizione a mantenersi al passo coi tempi. Stando alle parole del regista Antonello Grimaldi, infatti, La Dottoressa Giò 3 si ispirerebbe ai moderni medical drama in stile Grey’s Anatomy. Ma non solo, perché la promessa più vistosa dell’incipit è chiaramente il mistero su chi abbia investito la dottoressa Giò quattro mesi dopo l’inizio del nuovo racconto.

Raramente, nei casi in cui si sia tentato di emulare le fattezze delle serie TV americane, il risultato non è apparso grossolano. Ci si domanda perciò per quale motivo dovrebbe accadere il contrario in una fiction con Barbara d’Urso. Una fiction che se letta come soddisfazione che la protagonista si è voluta togliere per recuperare il più celebre personaggio della sua carriera, potrebbe anche scusarsi. Ma che se giudicata sotto il profilo estetico e narrativo, fa già acqua da tutte le parti.

CiakGeneration © riproduzione riservata.