Stranger Things 3 Jim Hopper vivo

Stranger Things 3: *** è ancora vivo? Tutti gli indizi

4Dopo il finale di Stranger Things 3, lo sceriffo Jim Hopper è ancora vivo? Ecco tutti gli indizi disseminati nella stagione per lasciarlo credere.

Fra le tante cose che nei nuovi episodi di Stranger Things 3 hanno lasciato a bocca aperta c’è senz’altro la presunta morte di Hopper. Lo sceriffo, dopo aver affrontato i problemi di un padre alle prese con la figlia adolescente, ha combattuto un nemico molto più pericoloso. A tal punto da ritrovarsi nella circostanza di sacrificare se stesso per il bene della comunità, dell’amore e degli affetti. Dopo un serrato corpo a corpo con il mastodontico Grigori, Hopper è rimasto bloccato nella sala del macchinario sperimentato dai Russi per aprire la porta del Sottosopra. E pur avendo messo a tappeto l’avversario non è rientrato nella sala comandi venendo disintegrato. Questo almeno è ciò che gli autori della serie hanno voluto farci credere. Ma nel finale di Stranger Things 3, Jim Hopper è ancora vivo?

I sospetti hanno assalito gli spettatori a causa di una serie di indizi più o meno evidenti, disseminati qua e là nel finale di stagione.

Immagine correlata
David Harbour è Jim Hopper in Stranger Things

Uno su tutti si cela nella sequenza ambientata nella remota regione russa del Kamchatka a distanza di tre mesi dalla tragedia, e nascosta dopo i titoli di coda. Qui, in una prigione con un’architettura non dissimile dal sottosuolo dello Starcourt, si trova un corridoio di celle. In una di queste sarebbe chiuso un “americano” che potrebbe essere proprio Hopper. Così d’altronde lo sceriffo di Hawkins viene chiamato negli episodi precedenti dallo spietato Grigori.

Questo è, tra i vari indizi sul fatto che nel finale di Stranger Things 3 Jim Hopper è vivo, il più facile da decifrare. Ce n’è però almeno un altro, rintracciato dagli utenti di Reddit, che potrebbe addirittura confermare la teoria secondo cui il personaggio interpretato da David Harbour si sarebbe salvato.

Indietro
CiakGeneration © riproduzione riservata.