Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Stranger Things 2 stagione Netflix | I 10 migliori momenti del primo episodio

Stranger Things 2 stagione è su Netflix: ecco i migliori momenti del primo episodio, e tutte le curiosità sul ritorno della serie con Winona Ryder.

Il 27 ottobre 2017 verrà sicuramente ricordato per aver accolto Stranger Things 2 stagione su Netflix. La serie nostalgica creata dai fratelli Duffer ha debuttato questa mattina con ottimo riscontro dei fan. Sui social, si è scatenata la Sottosopra-mania, e tutte le pagine del servizio di streaming hanno simbolicamente capovolto il loro logo. L’atmosfera, diciamocelo, contribuisce certo a rendere il tutto ancor più suggestivo. Halloween è alle porte, e anche i piccoli protagonisti della serie, da Dustin a Mike, da Lucas a Will stanno per vivere la notte delle streghe. Nel frattempo, Eleven ricompare ad Hawkins ma è molto cambiata, e non sarà facile farsi rivedere dagli amici di un tempo.

E’ infatti trascorso un anno dai terribili eventi che hanno sconvolto la città, ma le cose non sembrano propriamente cambiate. Will vive ancora sulla sua pelle le conseguenze dei traumi trascorsi, e percepisce stralci di Sottosopra che potrebbero appartenere nuovamente al presente. I suoi sono ricordi o è la realtà? Una minaccia più grande si prepara a colpire indiscriminatamente gli abitanti di Hawkins? Mentre aspettate di godervi tutti gli altri episodi (quest’anno ce n’è uno in più!) ripercorrete con noi i migliori momenti del primo episodio.

I momenti cult del primo episodio di Strager Things 2 stagione

1. Un’altra Eleven?

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

E’ proprio l’inizio dell’episodio a rivelare la prima grande novità che crediamo fondamentale per l’intera seconda stagione. I poteri di Eleven non sono unici, ma esistono altre ragazze in grado di adoperare gli stessi suoi poteri. Chi sia però colei che ha fatto credere ad un poliziotto di morire sotto il crollo di un ponte, per il momento non è dato saperlo.

2. Una nuova ossessione

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Dustin, Lucas, Mike e il piccolo Will hanno una nuova ossessione che si chiama Dragon Lair. Il videogioco anni Ottanta, ideato dal regista di tanti cartoni animati come Brisby e il segreto del NIMH, Fievel sbarca in America o Alla ricerca della valle incantata, è il preferito del momento. Ma qualcuno ha battuto il loro record. Chi è stato?

3. Il Sottosopra è tutto intorno.

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Nonostante sia trascorso un anno dalla tragedia vissuta di Hawkins con la scoperta del mondo del Sottosopra, l’incubo è tutt’altro che finito. Per Will, il più segnato da quegli eventi, la vita non è ancora tornata alla normalità. Il ragazzo è seguito dai medici del centro ricerche, che lo sottopongono a periodiche visite molto impegnative. Intorno a sé percepisce la presenza di qualcosa che va e viene, o che forse è costantemente intorno a lui.

4. La prima faccia nuova

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

La prima novità del cast è Dacre Montgomery, che interpreta Billy. Il ragazzo accompagna la sorella a scuola attirando particolarmente l’attenzione, sia di Steve e Nancy in quel momento in auto insieme, sia delle più giovani che ne ammirano… il fisico.

5. La nuova arrivata

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

E’ il primo giorno di scuola per la nuova arrivata, la piccola Max. Basta che pronunci il suo nome svogliatamente di fronte alla classe, perché Dustin e gli altri capiscano che è proprio lei ad avergli battuti a Dragon Lair. Il suo fare sfuggente li mette a disagio ma li affascina anche. Dustin e Lucas sono quelli che si lasciano coinvolgere di più dalla novità del suo arrivo.

6. Il vecchio compagno di scuola

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Da una faccia nuova ad una vecchia, almeno per Joyce, che vediamo essersi rifatta una vita assieme all’ex compagno Bob. Lei e lo sceriffo Hopper lo conoscono sin da quando sono giovani, ma solo ora si sono ritrovati. Bob è goffo e impacciato, ma riesce a rasserenarla nei momenti più difficili in cui riaffiorano i ricordi delle avventure nel Sottosopra. Bob è interpretato da Sean Austin, celebre per i suoi ruoli ne Il Signore degli Anelli e… I Goonies. Proprio a quest’ultimo, Stranger Things 2 stagione continua ad ispirarsi. Altri modelli sono i Ghostbusters, IT, Alien, Poltergeist, ma anche Indiana Jones o Jurassic Park.

7. Il triangolo amoroso (parte prima)

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Pur stando insieme a Steve, Nancy continua ad essere amica di Jonathan. Ma ben presto si accorge che il suo essere sfuggente e riservato non è soltanto questione di carattere: il ragazzo è chiaramente ancora preso da lei. Nella vita reale, Natalia Dyer e Charlie Heaton si frequentano da poco dopo essersi conosciuti proprio sul set di Stranger Things.

8. Il triangolo amoroso (parte seconda)

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Anche all’orizzonte dei protagonisti più piccoli di Stranger Things 2 stagione si profila un triangolo amoroso piuttosto scomodo, che potrebbe mettere a rischio l’amicizia tra Dustin e Lucas. I due, infatti, si sono chiaramente presi una cotta per la nuova compagna di scuola Max. Chi dei due avrà il coraggio di chiederle per primo di uscire?

9. #JusticeforBarb

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Il profilo Twitter di Shannon Purser, interprete di Barb, è stato letteralmente preso d’assalto sin da ieri con l’hashtag qui sopra. D’altronde, i fratelli Duffer avevano promesso che la seconda stagione di Stranger Things sarebbe servita a fare luce e chiarezza sulla morte di Barb. Ma rivedremo mai l’attrice nella serie? Per il momento, la Purser recita in Riverdale.

10. La nostalgia più grande

Stranger Things 2 stagione - I 10 migliori momenti del primo episodio

Anche Mike non ha l’animo sgombro da brutti pensieri. Per fortuna, non hanno nulla a che vedere con il Sottosopra. O meglio, solo indirettamente. Il ragazzo non si rassegna infatti alla scomparsa di Eleven, e continua a conservare le cose con cui giocavano all’inizio o a sperare che si faccia viva via radio. Lei, d’altronde, è tenuta sotto stretta sorveglianza, e malgrado abbia il desiderio di uscire dal suo isolamento forzato, deve ancora capire come riuscirci.

Nessun Articolo da visualizzare