Lucio Patanè

Cinema e Celebrity | News e anticipazioni

Lucio Patanè: intervista all'”attore sfigato” di Boris che sbarca a Cannes

Niccolo Maggesi | 25 Maggio 2022

Lucio Patanè si racconta, dall’esordio in Amici Miei al ritorno dell”attore sfigato” nella nuova stagione di Boris e l’approdo in The White Lotus 2

Tra poche ore sarà all’ultimo Festival di Cannes con Il barbiere complottista, cortometraggio che fotografa uno dei fenomeni più inquietanti della società digitale. A settembre lo vedremo nel cast della nuova stagione della serie TV americana The White Lotus, e prossimamente tornerà nella quarta stagione di Boris su Disney+. L’inverno scorso è stato nella fortunata fiction di Rai 1 Un professore, mentre attualmente possiamo vederlo su Amazon Prime Video in Bang Bang Baby. Parliamo di Lucio Patanè, attore eclettico tenuto a battesimo nell’82 da Monicelli nel sequel di Amici Miei, dove interpretava il figlio del mitico Perozzi (Philippe Noiret).

In occasione della proiezione di Il barbiere complottista abbiamo avuto l’opportunità di scambiare quattro chiacchiere con lui, ripercorrendo i momenti salienti della carriera e cercando di saperne di più soprattutto sulla seconda stagione di The White Lotus, che quest’anno è stata girata in Sicilia, oltre che sull’attesissimo ritorno di Boris.

Intervista a Lucio Patanè

Che emozione si prova prima di Cannes?

“In effetti è la mia prima volta al Festival, e sono emozionato. L’importante comunque è andarci portando con sé un buon lavoro. È vero che si tratta di un corto, ma ci sono molto affezionato, perché nasce dall’incontro con Valerio Ferrara, che ho conosciuto sul set di una serie televisiva. Creammo un bellissimo rapporto e lui si è ricordato di me”.

L’idea di fondo, quella di un barbiere che cade nel tunnel dei complottismi, è quanto mai attuale…

“Molto attuale. È la storia di un uomo che per uscire da una vita monotona si convince di avere la verità in tasca, ma è vittima della manipolazione delle informazioni non verificate che trova su Internet. In realtà è solo il suo modo di affermare la propria esistenza…”

La locandina di Il Barbiere Complottista con Lucio Patanè

Per caso ti sei ispirato a qualcuno che conosci, e che magari si è lasciato trascinare nel vortice delle fake news del momento?

“Mi sono ispirato a tante cose, anche a persone che realmente conosco. Per documentarmi sulla follia del personaggio, però, mi è servito molto ascoltare la trasmissione radiofonica La Zanzara, che mi ha dato parecchie fonti d’ispirazione… Lì chiamano le persone più incredibili, che raccontano storie che non esistono trovando così una maniera stravagante di affermare la propria esistenza”.

Il regista del corto, Valerio Ferrara, è appena uscito dalla Scuola Nazionale di Cinema proprio con questo cortometraggio come saggio. Com’è stato farsi dirigere da un ragazzo così giovane e alle prime armi?

“Dal punto di vista artistico è stato molto stimolante. Con Valerio abbiamo costruito per tempo il personaggio, provando, modificando, e poi il progetto mi ha riportato indietro nel tempo: mi sono ritrovato a lavorare come lavorai dopo Amici miei, quando con l’amico Luigi Rotondo (oggi a capo della società Studiomaker, ndr), negli anni delle prime telecamere digitali, autoproducemmo diversi cortometraggi vincendo anche alcuni concorsi. Tra i ragazzi della troupe mi sentivo uno zio o il padre, e forte della mia esperienza talvolta mi sono permesso di far notare cosa si potesse aggiustare o fare diversamente”.

Lucio Patanè: il ricordo di Amici Miei

Hai accennato ad Amici miei e non posso non chiederti un ricordo della tua prima volta sul set… Come fosti scelto, intanto?

“Feci uno street casting con Francesco Germi, uno degli assistenti alla regia di Monicelli. Venne davanti scuola e mi chiese se volessi fare un provino, poi mi accompagnò a casa. Quando lo spiegai a mia mamma lei non ci credeva e mi disse ‘Ma per favore! Vatti a lavare le mani che è pronto”. Invece poi constatò che c’era davvero qualcuno alla porta. Gli demmo una mia foto, fui richiamato per il provino e infine andai a Firenze e a Roma a girare. Fu una grandissima esperienza, anche perché era un desiderio che si tramutava in realtà. Conservo ancora un tema di quando avevo otto anni, in cui mi si chiedeva cosa volessi fare da grande, e io scrissi o l’attore o il calciatore. Quindi, come dire?, ci sono le prove!”.

E lavorare con Monicelli e il cast, che era un tripudio di mostri sacri del cinema, com’è stato?

“Monicelli mi ricordo che mi chiese semplicemente di essere naturale, e io lo feci. Fu un ottimo consiglio, anche se il migliore me lo diede mio padre, il giorno in cui dovetti partire per Firenze. Mi disse: ‘Ricordati che è solo un gioco, è come una partita a pallone: divertiti’. Questo secondo me è il succo del mestiere dell’attore, che in fondo è un gioco. Per il resto fui accolto benissimo da tutta la troupe. In particolare Gastone Moschin, Adolfo Celi e Renzo Montagnani m’insegnarono a giocare a biliardo, e tra un ciak e l’altro facevamo partite a pallone anche col resto della troupe. Era tutto bellissimo. E poi saltavo anche la scuola, quindi era meraviglioso!”.

Che insegnamento hai appreso da un’esperienza come questa?

“Da questi grandi attori ho appreso un certo modo di approcciare il set: il cinema è bello perché è frutto del lavoro di tante persone, quindi bisogna avere rispetto di tutti e collaborare. È soprattutto questo il bagaglio che mi porto appresso ancora oggi”.

The White Lotus 2: le anticipazioni

Veniamo ora a The White Lotus 2. Sappiamo che hai già terminato di girare: com’è andata su un set americano, anche se in trasferta qui in Italia?

“Sono entrato a far parte di un meccanismo produttivo molto oleato e professionale, anche dal punto di vista artistico. Il regista, Mike White, oltre a essere sceneggiatore è anche produttore della serie, perciò aveva molta voce in capitolo. Dava la possibilità di improvvisare, cambiava spesso il copione… Con tutto il cast e la troupe, poi, si è instaurato un bellissimo clima. Il mio non è certo un grande ruolo, ma d’altronde io sono specializzato in piccoli ruoli…”

Lucio Patanè
Lucio Patanè in uno scatto di Lorenzo Pesce

Puoi anticiparci qualcosa degli sviluppi della storia?

“Purtroppo non posso rivelare molto. Per ora basti sapere che interpreto un personaggio di contorno che aiuta a raccontare la storia. Non sarà un ruolo chiave, e credo che comparirò dalla metà della stagione in poi”.

Boris 4: di nuovo nei panni dell'”attore sfigato”

A proposito di “piccoli ruoli”, anche in Boris ne interpretavi uno che però è rimasto impresso nella memoria. Tornerai nella stessa parte anche nella quarta stagione?

“Sì, il mio personaggio è sempre lo stesso della terza puntata della prima stagione, ma ‘l’attore sfigato’ dello Scalatore delle Ande stavolta farà altre cose. Riprendere la serie è stato un piacere, anche se per Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo non deve essere stato facile dopo la scomparsa dell’amico Mattia Torre. In ogni caso ho letto tutti i copioni, e posso dire che il livello è esattamente lo stesso delle tre stagioni precedenti”.

Al di là della sceneggiatura, quanto di tuo hai potuto mettere nel personaggio?

“Tantissimo, con tanta ironia e non prendendosi mai troppo sul serio. E anche questo credo sia uno dei segreti del mestiere, altrimenti l’ego si mangia tutto, si perde di vista la realtà, e nei momenti bui finiremmo per volare troppo alto o precipitare sotto terra”.

Hai spaziato dal cinema alla TV – anche internazionale. Hai lavorato con grandissimi registi e colleghi, sperimentato linguaggi diversi a vari livelli… C’è qualcosa che ancora ti manca di fare, magari anche passando dall’altra parte della macchina da presa?

“Io sento di essere un attore puro. Sì, saprei dirigere altri attori, ma non credo di avere né l’attitudine né l’ambizione di fare il regista. Piuttosto mi piace la scrittura, per esempio ho scritto un monologo che ho portato in scena, ma in linea di massima preferisco di più stare davanti alla telecamera. Sono molto più attento alla relazione tra gli attori, al rapporto che si crea con il regista… Però non mi rivedo mai nel monitor, a meno che non sia il regista a chiedermi di farlo, perché rischierei di uscire dal personaggio”.

Nella foto: Lucio Patanè (photo credits: Lorenzo Pesce)

E un ruolo che speri di poter ancora interpretare?

“Non ho grandi sogni neanche in questo senso, anche se naturalmente adorerei fare un personaggio come Michael Corleone nel Padrino o Mandrake in Febbre da cavallo… Ma in generale mi auguro di poter spaziare dal dramma alla commedia, dal tragicomico al surreale, dal cinema alla serialità. C’è una cosa che mi piacerebbe fare: meno provini possibile. Sarebbe una grande soddisfazione…”

Nel privato invece cosa ti piace guardare in TV?

“Mi piacciono molto le serie storiche, per esempio The Crown, per cui mentre la guardavo pensavo di spiare i reali dal buco della serratura, o  1992 e The New Pope”.

Se i tuoi personaggi più recenti, di Boris, The White Lotus e Il barbiere complottista fossero una canzone, che canzone sarebbero?

“Potrebbero essere i protagonisti surreali di una canzone di Lucio Dalla, tipo Mary Louise!”

Un posto al sole anticipazioni 6 dicembre 2022

Fiction e Soap Opera | News e anticipazioni

Un posto al sole anticipazioni 6 dicembre 2022

Martina Pedretti | 5 Dicembre 2022

Un posto al sole

Le anticipazioni di martedì 6 dicembre di Un posto al sole

Anticipazioni Un posto al sole di martedì 6 dicembre 2022, cosa succede nella puntata? Tutte le novità sulla trama dell’episodio.

Anticipazioni Un posto al sole martedì 6 dicembre 2022

Nuova puntata della soap Un posto al sole: l’appuntamento è sempre alle 20.45 su Rai 3, dove gli episodi vanno in onda dal lunedì al venerdì. Ecco le anticipazioni della puntata del 6 dicembre 2022.

Niko deve trovare i soldi per colpire Valsano, e per farlo vende la sua auto, anche se qualcuno lo scopre e potrebbe fermarlo. Bianca e Antonello ritrovano la loro strada, mentre Cerri la smarrisce. Mariella vuole aiutare l’amico a tutti i costi.

Leggi anche le anticipazioni della settimana dal 5 al 9 dicembre

Trama puntata martedì 6 dicembre 2022

Secondo le anticipazioni della puntata di Un posto al Sole del 6 dicembre 2022, scopriamo che Niko deve sbrigarsi a trovare i soldi per mettere a segno il suo piano di vendetta contro Valsano. La data di scadenza della consegna del denaro si avvicina e il Poggi conclude la vendita della sua auto. Il suo strano comportamento viene però notato da qualcuno, che potrebbe intervenire per fermarlo. Tra Bianca e Antonello le cose sembrano andare meglio mentre per Cerri sono tornate le pene d’amore. Sasà ha conosciuto un uomo misterioso in chat, il cui nickname è “Bufalotto”. Chi si cela dietro allo schermo? Mariella è molto preoccupata. Queste le anticipazioni della puntata di martedì 6 dicembre 2022 di Un posto al sole.

Streaming Un posto al Sole RaiPlay

Su RaiPlay potete vedere Un posto al sole in streaming, sia in diretta che in replica on demand. Basterà accedere alla piattaforma intorno alle 20.45 per la diretta streaming, e dopo la messa in onda – a qualsiasi orario – per la replica della pun

And Just Like That 2 si farà anticipazioni seconda stagione

News e anticipazioni

AND JUST LIKE THAT 2 news: anticipazioni seconda stagione

Niccolo Maggesi | 5 Dicembre 2022

And Just Like That

Il revival di Sex and the City ha ricevuto il via libera per una seconda stagione: tutte le news e le anticipazioni su And Just Like That 2

Il revival di Sex and the City ha ricevuto il via libera per una seconda stagione. Tutto su And Just Like That 2.

And Just Like That 2 stagione news

Sembra incredibile (o forse no), ma dietro le quinte di And Just Like That, il revival di Sex and the City, già si parlava di stagione 2 quando ancora non aveva debuttato il primo capitolo. Lo aveva reso noto la scorsa estate il Daily Mail, che si stava occupando molto da vicino delle riprese della serie, offrendo al pubblico di appassionati un reportage dietro l’altro di ciò che si stava registrando nel cuore di Manhattan. Sì, perché essendo New York uno dei personaggi principali dello show, nell’era degli smartphone e dei social network si è rivelato complicato mantenere le bocche cucite sulla trama dei nuovi episodi.

E siccome dopo la messa in onda pare che il riscontro abbia dato grandi soddisfazioni internazionali, la produzione ha preso sempre più sul serio una continuazione, fino a giungere ad una conclusione. In altre parole, dopo i 10 episodi del revival, And Just Like That proseguirà con una seconda stagione.

Stando alle prime voci raccolte dal portale britannico, sarebbero stati specialmente Michael Patrick King e Sarah Jessica Parker, vere menti creative dietro la serie, a immaginare un prolungamento della storia.

Questo prolungamento ha poi ricevuto il consenso dei vertici di HBO, che già in precedenza – via Deadline – si erano detti ben disposti a discutere di un secondo capitolo della storia.

“In realtà la questione riguarda Micheal Patrick King e Sarah Jessica Parker. Sono loro a dover capire se c’è una storia della quale sono emozionati. Io penso che ci sarà, ma loro ne stanno parlando per assicurarsi di volerci gettare a capofitto. È un grosso impegno, ma saranno comunque loro a venire da noi e farci sapere cosa pensano. In ogni caso sono fiducioso”.

In merito ad una stagione 2 di And Just Like si è discusso comunque anche dell’eventuale ritorno (in carne e ossa) di Samantha.

Il ritorno di Samantha

Storia che nella prima stagione racconterà come se la stanno cavando le nostre protagoniste come cinquantenni e madri di adolescenti.

Gli episodi del revival hanno reso lo show molto più inclusivo che in passato, raccontando il sesso e la sessualità secondo le attuali tendenze. Per fare questo sono stati introdotti nuovi personaggi, che hanno avuto il delicato compito di sostituire anche la grande assente Samantha.

E proprio sulla sfacciata protagonista delle sei stagioni originali e i due film per il cinema, il Daily Mail l’ha sparata grossa. La stessa fonte vicina alla produzione, per la quale And Just Like That sarebbe stata rinnovata per la stagione 2 ancora prima della notizia ufficiale, sosteneva che Kim Cattrall avrebbe potuto riprendere il ruolo di Samantha.

“C’era ovviamente una certa preoccupazione che il pubblico soffrisse la mancanza di Kim e non accogliesse con favore il revival. Invece, ultimamente, la risposta si è rivelata fenomenale. E i fan di Kim sappiano che la porta del revival è aperta per un suo ritorno. Se dovesse mai cambiare idea, sarà libera di tornare”.

Gli autori e la stessa Sarah Jessica Parker sarebbero davvero pronti a dimenticare l’avversione della Cattrall nei confronti della serie e di Samantha stessa? In realtà pare non sia così. Allo stesso tempo Kim è ben decisa a lasciarsi alle spalle questo importantissimo capitolo della sua vita, sempre che, stavolta, le trattative non la lusinghino con qualche zero in più.

Cast And Just Like That 2

Sul cast di And Just Like That 2 arrivano le prime notizie già durante l’estate 2022, quando la serie è in pre-produzione. A metà agosto Deadline conferma che nei nuovi episodi un discreto arco narrativo sarà dedicato al personaggio di Aidan. Annunciato il ritorno nello spinoff di Sex and the City lo scorso anno ma rivelato poi che la sua fu solo una battuta, John Corbett è pronto a rimettere i panni di Aidan Shaw.

L’attore, famoso per aver recitato nel Mio grosso grasso matrimonio greco, ha partecipato alla terza, quarta e sesta stagione della serie originale ed è apparso nel secondo film, durante la parentesi delle ragazze ad Abu Dhabi. Qui Carrie lo aveva rivisto commerciare stoffe in mezzo al mercato cittadino, per poi programmare un appuntamento al termine del quale c’era stato un bacio. In realtà Aidan – come Carrie – era sposato e con due figli a carico.

Ora che Carrie ha emotivamente superato la morte di Big, frequenterà nuovi uomini e chissà che Aidan non si riveli per lei un’ottima minestra riscaldata.

La prima a svelare il suo ritorno ufficiale nel cast di And Just Like That 2 stagione è stata Sara Ramirez che sarà ancora Che Diaz.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sara Ramirez (@therealsararamirez)

Rivedremo inoltre Evan Handler come Harry, marito di Charlotte. A tal proposito, Kristin Davis è stata immortalata nel primo giorno di riprese. L’attrice recitava infatti in una scena con Sarah Jessica Parker (Carrie) il 5 ottobre 2022 nel centro di New York.

Oltre al ritorno di tutti gli altri volti storici, da Mario Cantone (Anhtony) a David Eigenberg (Steve), Carrie rivedrà anche Ivan Hernandez, interprete di Franklyn. Infine ci saranno ancora una volta Sarita Choudhury (Seema Patel), tornata sul set a metà ottobre, Nicole Ari Parker (Lisa Todd Wexley), e Karen Pittman (Nya Wallace).Ad ottobre 2022 si unisce al cast di And Just Like That 2 stagione Tony Danza. Danza interpreterà il padre di Che Diaz nella sitcom che la stand up comedian è andata a registrare a Los Angeles. Il nome dell’attore era già emerso al termine della prima stagione.

Anticipazioni episodi

Si presume che anche gli episodi di And Just Like That 2 saranno dieci, ma sul loro contenuto non possiamo ancora dire molto, perché mancano delle reali anticipazioni. Volendo formulare qualche congettura, però, si può immaginare che Carrie proseguirà la sua attività di podcaster, forse non più con Che Diaz ma da sola. Ormai infatti la nostra ha ritrovato l’equilibrio dopo la morte di Big, e dal lavoro riceverà gli stimoli giusti per andare avanti.

Nel frattempo s’imbatterà di nuovo in Aidan, e per un attimo potrebbe riesumare i suoi vecchi sentimenti per lui. Interessante sarà anche scoprire con chi Carrie sceglierà di uscire per voltare pagina, e se i prossimi appuntamenti saranno più fortunati degli ultimi. Il suo flirt con Franklyn alla radio avrà un seguito?

Intanto Charlotte e Miranda dovranno fare i conti l’una con le difficoltà di comunicazione con Harry, l’altra con la nuova vita insieme a Che Diaz. La relazione tra Steve e Miranda è davvero finita? E come andrà la carriera universitaria dell’ex avvocato? Tutto questo e tanto altro ancora nei prossimi episodi di And Just Like That 2!

Quando esce And Just Like That 2

Le riprese sono iniziate a New York solo il 5 ottobre, perciò ci si domanda quando esce And Just Like That 2. Lo scorso anno si cominciò a girare già durante l’estate, il che assicurò alla serie l’uscita entro l’anno. Stavolta sarà di nuovo così, o dobbiamo aspettarci uno slittamento alle prime settimane del 2023? È ancora presto per dirlo.

Certo è che, come quasi sempre accade negli Stati Uniti, gli studios potrebbero girare gli episodi conclusivi contemporaneamente alla messa in onda dei primi. Così facendo l’esordio di And Just Like That 2 potrebbe ancora andare in onda a dicembre 2022 e la trama subire aggiustamenti in itinere per incontrare il gradimento del pubblico.

Intanto, il produttore John Melfi ha svelato su Instagram che le riprese di And Just Like That 2 dureranno complessivamente 99 giorni.

John Melfi su Instagram

L’uscita di And Just Like That 2 in Italia, seguendo l’esempio dello scorso anno, dovrebbe verificarsi a distanza di poche ore dall’America, sempre su Sky.

In ogni caso, per saperne di più non resta che attendere l’emergere di altre indiscrezioni sullo show, che saremo qui pronti a registrare.

Un posto al sole anticipazioni 5 dicembre 2022

Fiction e Soap Opera | News e anticipazioni

Un posto al sole anticipazioni 5 dicembre 2022

Martina Pedretti | 2 Dicembre 2022

Un posto al sole

Le anticipazioni di lunedì 5 dicembre di Un posto al sole

Anticipazioni Un posto al sole di lunedì 5 dicembre 2022, cosa succede nella puntata? Tutte le novità sulla trama dell’episodio.

Anticipazioni Un posto al sole lunedì 5 dicembre 2022

Nuova puntata della soap Un posto al sole: l’appuntamento è sempre alle 20.45 su Rai 3, dove gli episodi vanno in onda dal lunedì al venerdì. Ecco le anticipazioni della puntata del 5 dicembre 2022.

Niko non sa come comportarsi rispetto alla proposta di Manlio e Jimmy capisce che qualcosa non va, così ne parla con zia Manuela. Intanto Antonello torna in classe e Bianca gli dà il suo regalo di compleanno, tra le risate dei compagni. Mariella intanto sta pensando a come gestire le Cirillo ma Bice la interrompe con una richiesta d’aiuto perché Salvatore si è messo nei guai.

Leggi anche le anticipazioni della settimana dal 5 al 9 dicembre

Trama puntata lunedì 5 dicembre 2022

Secondo le anticipazioni della puntata di Un posto al Sole del 5 dicembre 2022, scopriamo che Niko è sempre più in difficoltà e non sa se cedere definitivamente alla richiesta di Manlio. Il suo malessere viene notato da Jimmy. Il bambino, spaventato dal comportamento del padre, si confida con la zia Manuela, che decide di parlare con il Poggi. Intanto Antonello torna in classe e Bianca ne approfitta per dargli il suo regalo di compleanno. Questo gesto però scatena l’ilarità dei loro compagni di classe, che cominciano a prenderli in giro. Mariella è impegnata a ragionare sul piano da mettere in pratica contro le gemelle Cirillo ma Bice arriva all’improvviso con una richiesta d’aiuto. Suo fratello Salvatore si è messo nei guai con un’altra storia d’amore impossibile. Queste le anticipazioni della puntata di lunedì 5 dicembre 2022 di Un posto al sole.

Streaming Un posto al Sole RaiPlay

Su RaiPlay potete vedere Un posto al sole in streaming, sia in diretta che in replica on demand. Basterà accedere alla piattaforma intorno alle 20.45 per la diretta streaming, e dopo la messa in onda – a qualsiasi orario – per la replica della puntata appena trasmessa o delle precedenti.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.