max gazzè

Rubriche ed editoriali

Max Gazzè, fuori il nuovo video “Figlia” tra animazione e poesia

Stefano D Onofrio | 18 Dicembre 2021

Max Gazzè è tornato! Lo scorso 14 dicembre è uscito il video del brano “Figlia”, un corto d’animazione presentato al Future Film Festival

Il nuovo video di Max Gazzè

Max Gazzè torna con un’opera d’arte d’animazione. Lo scorso 14 dicembre è uscito il videoclip di “Figlia”  brano realizzato insieme alla MMB (Magical Mystery Band), band di grandi musicisti di cui fa parte Daniele Silvestri che canta con Max in questa traccia. Il singolo, in rotazione radiofonica da venerdì 17 dicembre, è tratto dall’undicesimo album di studio del cantautore romano intitolato “La matematica dei rami” (Virgin Records).

Un video poetico e cinematografico, creato da Imaginarium Studio, che fonde la grafica 3D con l’illustrazione tradizionale su carta e tratta temi legati al futuro, alla natura e al suo processo di trasformazione. Il video è stato ospitato anche al Future Film Festival, lo storico festival internazionale del cinema di animazione. In un mondo distopico, in cui l’avidità ha preso il sopravvento e la vita del Pianeta è agli sgoccioli, un uomo delle stelle andando a lavoro incontra un esserino diverso da tutti gli altri. È una figura simile ad una ragazzina, fatta di pelle ed elementi naturali come foglie e fiori, ormai scomparsi dal pianeta da parecchi decenni. L’astronauta accoglie la ragazza nella sua casa, la fa giocare e cerca di darle una vita serena in cui tutto è simbolo di ciò che l’uomo ha perso per colpa della sua avidità e delle sue azioni sregolate: non ci sono più giochi, musica, conoscenza tramandata.

L’umanità ha perso l’equilibrio e la memoria (“La matematica dei rami”), rappresentata dagli elefanti, unici animali rimasti ma ormai trasformati in esseri composti. Ha distrutto il futuro e la possibilità di avere speranze. E mentre i giorni passano e quella che ormai definisce “figlia” cresce piena di energia e colori, l’astronauta è sempre più sofferente, l’ossigeno si sta esaurendo e scorge i dettagli della sua fine. Nel frattempo la situazione ambientale peggiora ma, in mezzo a tempeste cosmiche sempre più gravi, l’uomo continua a proteggere la ragazza con tutto quello che gli è rimasto a disposizione, la nutre di cibo e di sapere passato e presente. In punto di morte avviene il passaggio di conoscenza e speranza. La ragazza continua la sua evoluzione naturale, portando con sé l’energia dei simboli del tempo dell’umanità passata per creare finalmente una nuova vita e un nuovo futuro con una rinnovata coscienza.

Una folgorante opera visionaria in cui ogni inquadratura è figurativamente ricchissima e piena di immagini che sono simboli, e lo spettatore è come trasportato in una dimensione “altra”. Un piccolo mondo onirico che attinge dall’innocente sfera dell’infanzia, i suoi sogni e desideri. La tensione emotiva sale sul tappeto sonoro e testuale di uno dei brani più poetici di tutto l’album di Gazzè “La matematica dei rami”. Un’intro psichedelica e una lunga coda elettro-strumentale aprono e chiudono il brano “Figlia”, che vede la collaborazione di Daniele Silvestri sia nel testo che nel canto, regalando un duetto straordinario per intensità, contenuto e arrangiamento, con versi dalla prepotente forza evocativa. Rock e progressive si mescolano, distorsioni e aperture si affiancano, per quella che subito risalta all’ascolto come un’avventura sonora ed emozionale di grande cura, fascino e complessità, arricchita da una sezione fiati straordinaria (“Non ti leggo più storie di fate impegnate /a buttar giù zucchero in mare…/ fatti spiegare da un astronauta / la matematica dei rami“). Di seguito il video!

Si ringrazia l’ufficio stampa MNcomm per il comunicato

Si ringrazia l’Ufficio promozione Virgin Records

naruto

Rubriche ed editoriali

In arrivo i cofanetti DVD e Blu-Ray di Naruto

Valentina Cestari | 26 Ottobre 2022

Arrivano i DVD di Naruto!

Tratto da uno dei manga più famosi di tutti i tempi, per la prima volta Naruto è disponibile in Home Video!

Naruto è un giovane ninja ribelle, emarginato a causa di un demone sigillato nel suo corpo. Nonostante sia sempre lasciato ai margini dagli abitanti del Villaggio della Foglia, lui sogna di diventare Hokage per difendere tutti. All’accademia ninja, il fortissimo maestro Kakashi dovrà allenare Naruto, Sakura e il ninja più promettente di tutto il villaggio, Sasuke, verso il quale Naruto prova un’acerrima rivalità. I tre giovani ninja dovranno collaborare se vogliono portare a termine le missioni.

La serie animata sarà pubblicata in 5 cofanetti DVD, due dei quali sono già acquistabili nei principali store. Il terzo cofanetto, in uscita il 23 novembre, è disponibile invece in pre-order su Amazon.

All’interno del primo cofanetto, oltre a un esclusivo booklet di 24 pagine con sinossi e illustrazioni originali, troviamo 5 dischi DVD che raccolgono i primi 35 episodi.

naruto dvd parte 1

Cofanetto stagione 1

L’avventura di Naruto continua nel secondo cofanetto dove troviamo un nuovo esclusivo booklet da 24 pagine e ben 7 dischi contenenti gli episodi 36-83.

naruto dvd parte 2

Cofanetto stagione 2

Come abbiamo già detto, il terzo cofanetto è in uscita e altri due sono in arrivo per completare la collezione!

Tutti i cofanetti sono disponibili in DVD e Blu-Ray.

 

Morte Berlino Casa di Carta morte Tokyo-min

Rubriche ed editoriali

La Casa di Carta 5: la morte di *** è legata a quella di Berlino

Niccolo Maggesi | 7 Settembre 2021

La Casa di Carta

Le circostanze della morte di Tokyo nel volume 1 di La Casa di Carta 5 ricalcano per molti aspetti quelle di Berlino: ecco perché.

Morte Berlino e Tokyo Casa di Carta

Con l’uscita del volume 1 della stagione 5 di La Casa di Carta, la discussione sulla serie spagnola più celebre al mondo è riaperta. Nelle ore più calde del dibattito, le attenzioni di tutti non possono non essere concentrate sul personaggio di Tokyo, sul quale si è imperniato il quinto e ultimo episodio della prima parte. La ladra che ha il volto della bella Úrsula Corberó si è sacrificata per proteggere gli amici, che così facendo li ha tuttavia lasciati distrutti e inconsolabili. Le conseguenze della sua morte, riuscita a turbare persino l’incrollabile Professore, le scopriremo con l’emissione del secondo ciclo di episodi, il prossimo 3 dicembre. Nel frattempo vediamo in che modo la morte di Tokyo è stata collegata dagli autori di La Casa di Carta 5 all’altrettanto intenso sacrificio di Berlino nella stagione 2.

Sacrificio e riscatto

Il primo aspetto che salta agli occhi consiste proprio nel fatto che entrambi i personaggi, prima Berlino e ora Tokyo, hanno preferito la morte alla resa.

Berlino, gravemente malato e con un passato controverso, ha trovato con la morte il riscatto definitivo. Si è servito di se stesso come scudo per gli altri, ritardando l’intervento della polizia contro la banda di ladri.

Tokyo, ormai ferita alle braccia e alle gambe, ha capito che per lei – come per il primo grande amore della sua vita – era arrivata la fine. E ricordando una vecchia lezione appresa da Nairobi, si è cullata in un ricordo felice non senza mettere anch’essa fuori gioco le forze di polizia.

Dietro una trincea

Non sapendo fino all’ultimo come si sarebbero messe le cose, ma determinati a fare l’impossibile per salvarsi, Berlino e Tokyo si sono entrambi ritrovati dietro uno scudo di sacchi che li hanno protetti fino alla morte. Intorno ai due, nelle diverse scene, la stessa guerriglia, lo stesso smitragliare e le medesime sensazioni dello spettatore.

Prima che la morte li raggiungesse, Berlino e Tokyo si sono ambedue esposti ai colpi del nemico con coraggio e senso di sacrificio.

Le loro scene finali si sono ugualmente concluse con un’esplosione, nel caso di Berlino del tunnel costruito per lasciare la Zecca, e in quello di Tokyo di se stessa, divertitasi a leggere il terrore negli occhi di Gandia.

Rivoluzione come colonna sonora

Sia la morte di Berlino che di Tokyo sono accompagnate da un sottofondo musicale per nulla casuale.

La prima avviene sulle note di Bella ciao, un canto legato da sempre al mondo della Resistenza e che è stato a lungo assunto come simbolo della serie stessa.

La seconda si verifica d’altra parte su una melodia selezionata secondo gli stessi principi. Nello specifico, mentre la ladra prova a resistere da sola alla morsa del nemico, in sottofondo suona Grândola vila morena, altro celebre inno rivoluzionario, associato alla cosiddetta Rivoluzione dei Garofani degli anni Settanta in Portogallo.

fate the winx saga the vampire diaries

Rubriche ed editoriali

Fate The Winx Saga e The Vampire Diaries hanno qualcosa in comune

Martina Pedretti | 27 Gennaio 2021

Il cast di Fate The Winx Saga svela cos’hanno in comune la serie sulle Winx di Netflix con The Vampire […]

Il cast di Fate The Winx Saga svela cos’hanno in comune la serie sulle Winx di Netflix con The Vampire Diaries. Ecco cosa ci hanno raccontato in esclusiva

Su Netflix ha da poco debuttato la serie Fate The Winx Saga, ispirata al fortunato cartone animato italiano Winx Club. Il progetto è da subito stato recepito nel migliore dei modi, assicurando allo show la prima posizione nel catalogo Netflix di tantissimi paesi del mondo. Infatti al momento la serie live action delle Winx è lo show più visto su Netflix nel mondo. Ma sapevate che Fate The Winx Saga e The Vampire Diaries hanno qualcosa in comune?

Ne abbiamo parlato assieme a Eliot Salt e Precious Mustapha, due attrici del cast, che interpretano rispettivamente Terra e Aisha, in un’intervista esclusiva. Il nodo di congiunzione tra la serie Netflix sulle Winx e su The Vampire Diaries è Brian Young, produttore e scrittore dello show di CW. Nel progetto di Fate the Winx Saga, Brian Young figura come showrunner, e Eliot Salt e Precious Mustapha ci hanno raccontato che è stato parte integrante del set, senza mai saltare un giorno.

I fan di The Vampire Diaries poi avranno sicuramente notato alcune somiglianze tra la serie The CW e la serie sulle Winx. Ad esempio i personaggi protagonisti dei due show, Bloom ed Elena, hanno un passato simile, in quanto entrambe scoprono di essere state adottate, anche se non con la stessa dinamica. Entrambe realizzano solo con il tempo che la loro storia è molto più tragica e complicata di quello che pensavano.

L’intervista completa con Eliot Salt e Precious Mustapha, attrici della serie Netflix Fate the Winx Saga, sarà disponibile in edicola nel numero di CIAK in arrivo entro fine gennaio 2021.

Alle due attrici abbiamo chiesto se Brian Young fosse stato spesso presente sul set, in quanto showrunner di Fate The Winx Saga, e in che modo ha contribuito allo sviluppo delle riprese. La prima a rispondere in modo del tutto entusiasta è stata Eliot Salt, che ci ha raccontato:

Brian è una persona meravigliosa e molto spesso sì, era sul set. Abbiamo girato la serie nel freddo inverno irlandese, e anche sotto le piogge più violente, bagnato fradicio, Brian manteneva sorriso che andava da orecchio a orecchio. La sua gioia ci ricordava che stessimo lavorando a un progetto importante, anche se non sentivamo più le mani dal freddo!


Precious Mustapha ha poi aggiunto:

Era come se fosse parte integrante del set, è stato con noi ogni giorno. Per me è la cosa più importante lavorare con qualcuno così coinvolto.

Si può dire che per entrambe le attrici, Fate The Winx Saga sia stata la prima grande occasione lavorativa. Sicuramente per loro non è stato facile venire catapultate in una realtà come una produzione Netflix, pertanto abbiamo anche chiesto loro com’è stata questa esperienza.

Per me è stato surreale, ma me ne sono resa conto solo una volta arrivata sul set, vedendo quante persone fossero lì per lavorare su questa serie. Mi ci è voluto un po’ per abituarmi. In particolare c’è stata una location nei primi episodi, che mi ha colpito così tanto. Mi ci è voluto del tempo per riprendermi dalla sua bellezza. In più, credo mi abbia più volte tolto il fiato pensare che stavamo facendo qualcosa che avrebbero visto in centinaia di paesi del mondo.

Precious Mustapha ha aggiunto, in merito alla questione.

Anch’io penso sia stato assurdo, e come Eliot me ne sono resa conto sul set in Irlanda: solo allora ho capito quanto fosse enorme il progetto.

I sei episodi della prima stagione di Fate the Winx Saga sono disponibile su Netflix a partire dal 22 gennaio 2021.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.