the vampire diaries 7x11 e the originals 3x11

14 motivi per cui The Originals è migliore di The Vampire Diaries

Lo sappiamo,
The Originals non sarebbe assolutamente esistito se non fosse stato per la serie madre
The Vampire Diaries. Abbiamo conosciuto i nostri vampiri Originali proprio a Mystic Falls, prima con l’arrivo di
Elijah Mikaelson, poi
Klaus,
Rebekah,
Kol e
Finn, che subito ci hanno colpito perché diversi dagli essere sovrannaturali che già giravano per le strade della cittadina.
Gli Originali hanno dato una scossa non indifferente a The Vampire Diaries, tanto da far sì che molti fan abbiano amato la terza stagione – ovvero quella in cui abbiamo conosciuto la loro storia – più delle precedenti. Inoltre, con l’abbandono dei Mikaelson, e l’arrivo dello spin-off dedicatogli,
The Originals, molti credono che la serie madre abbia perso totalmente il suo smalto, andando verso un baratro sempre più profondo con il proseguire delle sue stagioni (che ricordiamo essere sette e lo show è prossimo all’ottava).

È vero,
The Originals non ha avuto lo stesso seguito di
The Vampire Diaries, e gli ascolti sono sempre stati più bassi rispetto alla serie madre, ma questo non significa che la fanbase sia meno solida. Esistono infatti moltissimi fan che amano
The Originals molto di più.
Eccovi quindi 14 motivi per cui The Originals è migliore di The Vampire Diaries!

1- A New Orleans c’è molta più vita che a Mystic Falls

Anche se in The Originals i temi sono molto più oscuri e l’atmosfera, a volte, è tenebrosa, la città scelta dagli Originali come la loro "casa" è decisamente più festosa di Mystic Falls. Colori, arte, musica accompagnano le strade della città e i suoi cittadini. Lo stesso Klaus passeggia spesso per le vie per ammirare i quadri degli artisti di strada, inoltre non mancano mai eventi di festa. Mystic Falls è invece una città più scura, in cui i colori caldi lasciano spazio a quelli freddi e, solo quando è in arrivo un villain carismatico, si movimenta.

2- Le streghe hanno un ruolo principale

D’altronde tutto è nato grazie (o per colpa) di una strega: Esther Mikaelson. Senza di lei non sarebbero esistiti gli Originali e quindi e neanche Damon e Stefan Salvatore. Ma le streghe, come abbiamo visto nelle varie stagioni, a Mystic Falls non vengono considerate molto e non fanno certo paura ai vampiri. Quelle di New Orleans, invece, sono molto potenti e riescono a piegare addirittura personaggi forti come Klaus e Elijah. Non dimentichiamo poi la piccola Davina, che abbiamo visto crescere nel corso delle tre stagioni di The Originals, dimostrando di essere una delle streghe più potenti in cui gli Originali si sono imbattuti. In ogni stagione dello spin-off, queste creature dai poteri magici ricoprono un ruolo fondamentale e riescono spesso a mettere i bastoni fra le ruote della famiglia Mikaelson.

3- I triangoli amorosi? Non a New Orleans!

Le storie d’amore a New Orleans non mancano di certo, ma quello che sicuramente non abbiamo visto e non vedremo mai è il famoso "triangolo amoroso". Questa dinamica in cui la ragazza deve scegliere tra due ragazzi ha portato avanti ben quattro stagioni di The Vampire Diaries, mentre The Originals si è concetrato su altri aspetti della vita dei vampiri. È vero, Hayley ha dovuto, in certo senso, scegliere tra Jackson e Elijah, così come Klaus si è trovato in mezzo a due suoi grandi amori, Aurora e Camille, ma tutto ciò non ha mai portato questi personaggi ad essere al centro di una silenziosa faida, e non è stato il tema centrale delle tre stagioni di The Originals che abbiamo guardato in questi anni.

4- I flashback e la storia degli Originali sono più coinvolgenti

Non c’è alcun dubbio che i flashback che riguardano i fratelli Salvatore siano davvero interessanti e ci aiutano a capire di più della loro storia e a comprendere i loro comportamenti nel presente, ma diciamoci la verità: quelli di
The Originals sono molto più affascinanti. A partire dai primi attimi di vita da vampiri di Klaus, Elijah, Rebekah, Kol e Finn, a quelli che li vedono protagonisti della costruzione della stessa New Orleans. Dalla loro gli Originali hanno la fortuna di avere avuto una vita molto, molto, lunga e questo gli ha permesso di avere una storia più interessante da raccontare.

5- In The Originals tutte le creature sovrannaturali hanno spazio

Non solo le streghe e i vampiri sono protagonisti di The Originals, ma anche i lupi mannari hanno un ruolo fondamentale nella storia. Questo grazie al fatto che la serie ha un ibrido come personaggio principale, ma anche una certa lupa che sa il fatto suo: Hayley. I lupi, in The Vampire Diaries, li abbiamo conosciuti poco e l’unico che ricordiamo è Tyler Lockwood, che certamente non è il miglior personaggio per rappresentare questa categoria. Anche a New Orleans difficilmente i licantropi hanno la meglio sui vampiri, ma questo non li rende meno importanti e, infatti, viene dato loro il giusto spazio nella serie.

6- Non c’è Elena

Amato e odiato dallo stesso fandom di The Vampire Diares, Elena Gilbert non è sicuramente un personaggio che potrebbe andare a New Orleans… e ai fan della serie va bene così. The Originals è uno show più maturo e con personaggi molto forti che hanno una corazza che difficilmente può essere abbattuta, e un personaggio come Elena cozzerebbe totalmente con loro.

7- Il concetto di famiglia è molto più rafforzato

La famiglia in
The Originals è un valore fondamentale, e non solo perché i personaggi sono imparentati. Klaus, Rebekah, Elijah, Kol, ora anche
Freya, e addittura Finn, hanno un rapporto molto complicato, ma questo non esclude assolutamente l’affetto che provano l’uno per l’altra. La famiglia in
The Originals è tutto: è unione, è litigio, è riappacificazione, è protezione, è legame. Non per nulla il motto degli Originali è "
always and forever". In
The Vampire Diaries non mancano certo momenti che valorizzino la famiglia (a partire dagli stessi fratelli Salvatore), ma non è la stessa cosa, diciamolo.

8- Camille non odia i vampiri come Matt

Non si mette in dubbio che la vita di Matt Donovan sia cambiata radicalmente da quando sono arrivati i vampiri a Mystic Falls, ma bisogna ammettere che i suoi cambi repentini di rotta sono pesanti. Nel corso delle stagioni lo abbiamo visto aiutare i vampiri, essere loro amico, per poi decidere d’un tratto che la situazione non andava più bene e così ha cacciato addirittura i fratelli Salvatore dalla città. Camille, invece, nonostante abbia visto la sua vita cambiare, ha sempre accettato nel bene e nel male di vivere in una città piena di creature sovrannaturali.

9- Le donne sono forti e indipendenti

Le donne in The Originals sono delle vere potenze della natura. Non importa che siano streghe, vampiri, licantropi, ibridi o essere umani, sanno davvero il fatto loro. Magari non prendono sempre le decisioni migliori e non fanno le scelte giuste (ma chi le fa?), ma non hanno certo bisogno dell’approvazione degli uomini con cui interagiscono. La rappresentante migliore del sesso femminile è sicuramente Hayley, personaggio partito in sordina, ma che si è conquistato il ruolo di protagonista con le unghie e con i denti. Ma non da meno sono personaggi come Rebekah, Davina, Camille, Freya e tutte le streghe che abbiamo conosciuto nel corso delle stagioni. A Mystic Falls non mancano le donne forti, ma non c’è nessuno che possa essere paragonato alla nostra ibrida preferita!

10- Gli episodi con gli Originali a Mystic Falls sono stati tra i migliori

Come dimenticare episodi come quello in cui Elijah ha fatto il suo ingresso distruggendo un’intera vetrina di un negozio con una sola monetina, o quello in cui abbiamo conosciuto Klaus? Gli episodi che ci hanno fatto incontrare gli Originali possono essere considerati tra i migliori di
The Vampire Diaries, senza dubbio alcuno. La terza stagione ha subito un bel cambiamento grazie al loro arrivo e la serie madre di
The Originals ne ha sicuramente giovato. Non si può dire la stessa cosa dal momento in cui i Mikaelson si sono trasferiti a New Orleans, non trovate?

11- Il comportamento esemplare di Elijah nei confronti di Hayley

Più volte abbiamo visto Damon Salvatore stesso definirsi egoista, specialmente nei confronti dell’amore della sua vita, Elena. Lo stesso Stefan, che potrebbe apparire come il fratello più buono, non è riuscito ad eguagliare l’eleganza e il comportamento esemplare di Elijah Mikaelson. Un uomo totalmente innamorato di una donna che ha avuto un figlio con suo fratello Klaus, ma che ha avuto la forza di lasciare andare per vederla felice, anche se questo voleva dire vederla con un altro: il licantropo Jackson.

12- Hope

Hope, come dice il significato stesso del suo nome, rappresenta la speranza. È interessante il fatto che sia stato scelto proprio questo nome da dare alla figlia di Klaus e Hayley, in quanto è difficile pensare che possa esserci speranza in un mondo in cui i pericoli sono sempre dietro l’angolo. Ma la piccola Hope rappresenta proprio questo: un’ancora di salvezza per tutti, e in The Vampire Diairies manca questo aspetto. E non dimentichiamo che questo ci permette di vedere un lato di Klaus davvero tenero!

13- Il rapporto tra Klaus e Camille è imparagonabile

Non si parla di ship, ma di un rapporto che va ben oltre l’amore o l’amicizia: quello di Klaus e Camille. L’ibrido, appena arrivato a New Orleans, ha visto subito qualcosa di speciale in questa psicologa bionda che gli è entrata subito dentro. Camille e Klaus hanno costruito un rapporto davvero unico e che non abbiamo mai visto in
The Vampire Diaries. Due personaggi che si sono capiti, sfidati, che si sono fidati l’uno dell’altra e che si sono appoggiati quando ne avevano bisogno.

14- Klaus Mikaelson

Non esiste nessun Damon o Stefan Salvatore (anche se li apprezziamo entrambi) che possa reggere con il solo e unico Klaus Mikaelson! Un personaggio a tutto tondo, che certe volte si fa odiare, ma subito dopo trova il modo di farsi perdonare dai fan, proprio come accade quando fa un torto a qualcuno dei suoi fratelli e/o amici. Klaus è un motivo più che sufficiente per ritenere The Originals migliore di The Vampire Diaries, non credete?

E con Klaus chiudiamo questa lista, con la speranza di non essere stati troppo cattivi con la serie madre dello spin-off di The CW. Siete d’accordo? Quali altri motivi aggiungereste?

Leggi anche:


Julie Plec sullo spostamento di The Originals al 2017: "Va a nostro favore"


Daniel Gillies e Claire Holt impegnati nel sociale contro la violenza e gli abusi


24 momenti in cui Elijah Mikaelson ci ha conquistati completamente

Newsletter di Ciak Generation

Nessun Articolo da visualizzare